CERCA NEL SITO
Loading

 

Argomenti Salute e Sicurezza 13/16: AAA Attenzione alla Formazione - Corsi per Rls GDO con Clinica del Lavoro - Cruscotto infortuni.

 

         Io ne ho viste di cose
        che voi umani
        non potreste immaginarvi
        …..
        Roy Batty (Blade Runner)


Il nostro è proprio uno strano paese in cui accadono cose che in altri paesi sarebbero inimmaginabili.
C’è un ministro del lavoro che:
  *   ritiene un bene che i giovani lascino il nostro paese
  *   spera nella caduta del proprio governo e in elezioni anticipate al fine di 

      evitare che gli italiani possano esprimersi sui referendum promossi dalla 

      cgil.
C’è un ministero dello sviluppo che promuove una campagna “Invest in Italy” per attirare imprese straniere in Italia vantando che:
  *   l’Italia offre un livello di salari competitivo che cresce meno rispetto al

       resto dell’Unione Europea;
  *   un ingegnere in Italia guadagna in media un salario di 38.500 euro,

       quando in altri paesi europei guadagna mediamente 48.800 euro.

In pratica il Governo presenta quello che è un dramma per milioni d’italiani (sia ceto medio che lavoratori) i bassi salari, come fattore competitivo del paese.

Se il replicante di blade runner avesse conosciuto il nostro paese, ci avrebbe certamente citato tra “ i bastioni di Orione e i raggi B vicino alle porte di Tannhauser”.

Torniamo alla sicurezza sul lavoro.

 

DALLA CLINICA DEL LAVORO UN OPPORTUNITA’ PER
VERIFICARE LA PRESENZA DI MALATTIE PROFESSIONALI.

A Milano è aperto un Ambulatorio Patologie Muscoloscheletriche Lavoro Correlate (WMSDs).

Da settembre 2016 è stato organizzato presso la Clinica del Lavoro di Milano via Santa Barnaba 8, un servizio ambulatoriale per l’inquadramento e la gestione dei casi di sospetta origine professionale.

I destinatari di questo servizio sono sia singoli lavoratori per l’accertamento di casi di patologia professionale che aziende private (datori di lavoro) o enti pubblici (ASL) per consulenze di secondo livello.

I lavoratori che dovessero quindi sospettare di aver acquisito una patologia di origine lavorativa possono rivolgersi

dal lunedì al Venerdì dalle 9.00 alle 13.00
 Tel. 02 55032568 - Fax. 02 55035304 mail:ambulatorio_ergonomia@policlinico.mi.it

 

 

IL REGISTRO INFORTUNI VA IN PENSIONE ARRIVA IL
 “CRUSCOTTO INFORTUNI”

In allegato trovate una recente circolare INAIL che prende atto dell’eliminazione del registro infortuni e dell’introduzione di un supporto informatico (Cruscotto Infortuni).
Questa trasformazione non toglie il diritto del RLS di ricevere tramite il datore di lavoro le informazioni e i dati sugli infortuni e le malattie professionali.
E’ quindi obbligo dei datori di lavoro consentire il libero accesso a tali informazioni da parte dei Rls, ad esempio mediante visualizzazione o stampa di copia delle schermate dell'applicativo, come peraltro già avveniva con l'abrogato Registro cartaceo.

 

QUATTRO CORSI PER RLS DELLA GDO

A fine 2015 e inizio 2016 la Filcams di Milano della Lombardia in collaborazione con la Clinica del Lavoro di Milano ha organizzato dei corsi specifici per RLS della grande distribuzione organizzata sulla valutazione del rischio e su quelli che sono i disturbi muscolo scheletrici.

A partire da fine gennaio si terranno quattro ulteriori giornate di formazione per analizzare la situazione specifica nelle varie catene della GDO.

I RLS che hanno partecipato al corso dello scorso anno riceveranno prima di Natale comunicazione specifica con i “compiti per le vacanze”.

Per info Giorgio Ortolani e mail giorgio.ortolani@cgil.lombardia.it

 

IL BUSINESS DELLA FORMAZIONE

Dal gennaio 2012 in base accordo stato regioni del 21/12/2011 è stato definito il numero minimo di ore di formazione obbligatoria sulla sicurezza per tutti i lavoratori ai sensi D.Lgvo 81/08, che si è aggiunto a quelli che erano gli obblighi di formazione previsti per i RLS.

La formazione obbligatoria

 

Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.
Prevede 32 ore per rls + 8  ore di aggiornamento ogni anno.

Tutti i lavoratori

Come minimo 8 ore di prima formazione per tutti i lavoratori (che diventano 12 o 16 a secondo del rischio delle attività che svolgono nelle rispettive aziende). Tale formazione va fatta a tutti contratti a termine, interinali.  Per voucher e interinali seguirà nota nella prossima comunicazione.

A queste prime 8 ore di formazione, si aggiungono 6 ore di aggiornamento ogni 5 anni.
Per preposti e dirigenti si aggiungono altre ore di formazione per la responsabilità degli stessi.


Squadre di primo soccorso emergenza e antincendio:

I lavoratori incaricati di svolgere l’attivata di antincendio, primo soccorso e d’emergenza, devono essere sottoposti ad altre ore di formazione specifica:

 

  *   per addetti antincendio può variare dalle 4 ore rischio incendio basso,

      8 ore rischio medio e 16 ore rischio alto;
  *   per addetti primo soccorso 12 ore.

 

Che cosa avviene se le aziende non fanno formazione obbligatoria?

La mancata formazione e sanzionata anche penalmente, oltre che economicamente:
  *  per un numero di lavoratori non formato pari o uguale a cinque, si         

      applica la sanzione base che va da due a quattro mesi di arresto, o 

      l’ammenda da 1.315,20 a 5.699,20 euro;
  *  se i lavoratori sono da sei a dieci, l’arresto va da quattro a otto mesi e

      l’ammenda da 2.630,40 a 11.398,40 euro;
  *  da sei mesi a un anno di arresto e ammenda da 3.954,60 a 17.097,60

      euro se la violazione è riferita a più di dieci lavoratori.

Per questi motivi tutte le aziende devono fare formazione.

Per avere una dimensione del mercato della formazione basta pensare che solo a Milano e provincia i lavoratori che dovrebbero avere frequentato regolari corsi di formazione sono 1,86 milioni. In Lombardia si arriva a 3,8 milioni.

 
Nascono come funghi società di formazione privata, o enti bilaterali e organismi paritetici promossi da sindacati, spesso per nulla rappresentativi, che organizzano corsi spesso fasulli.

Sono promosse attraverso internet la vendita di programmi di formazione e-learning che non hanno valore.

In allegato la tabella (allegato 5) dell’ultimo accordo stato regioni sulla formazione del luglio 2016 che vieta espressamente i corsi per e-learning per alcuni tipi di formazione.

eppure sono venduti liberamente per internet corsi di primo soccorso per e-learning.

Gli stessi corsi consentiti per e-learning sono vincolati ad alcune condizioni che pero le aziende non rispettano.

Sul sito www.rlsfilcams-lombardia.org trovate il file con l’intero accordo stato-regioni che era troppo pesante da inviare.

Diverse indagini in corso hanno evidenziato il malcostume dilagante con ampia diffusione di attestati di formazione falsi riferiti a corsi mai realizzati oppure rilasciati da soggetti non competenti e non autorizzati all’erogazione della formazione.

Le segnalazioni che pervengono agli organi di controllo sono sempre più numerose e le inchieste in corso (a oggi ben 11) vedono interessate e coinvolte diverse Procure lombarde (Milano, Brescia, Sondrio, Busto Arsizio).

L’informazione e formazione dei lavoratori è alla base di tutta la normativa della prevenzione. Solo i lavoratori che conoscono i propri rischi per la salute possono sollecitare i datori di lavoro a mettere in atto quelle che sono le misure preventive a tutela della propria e altrui salute.
 

L'informazione, la formazione e l'addestramento finalizzato al rispetto delle procedure a  tutela della salute dei lavoratori sono sempre più importante perché in presenza:

 

1) dell'aumento dell’età per accedere alla pensione,

2) di un aumento delle patologie legate all’attività lavorativa (siano o non esse riconosciute come malattia professionale),


3) del perdurare nel nostro paese di un rilevante numero d’infortuni.

Sempre più lavoratori rischiano con il passare degli anni di non essere in grado di svolgere la propria attuale attività.
Per questo l'informazione sulle procedure e le modalità con cui si deve svolgere l'attività lavorativa sono più volte ribadita nel testo unico sulla sicurezza D.Lgvo 81/80 e comporta sanzioni economiche pesanti e anche sanzioni penali per i datori di lavoro che non effettuano correttamente la formazione.

Purtroppo ci sono datori di lavoro che preferiscono rivolgersi a strutture formative, magari messe in piedi da sindacati minoritari, che assicurano certificati di formazione, per corsi fatti male o addirittura falsi.

I lavoratori specie quelli delle piccole realtà lavorative, che sono la maggior parte del tessuto produttivo italiano, troppo spesso non solo non conoscono i propri diritti, ma a volte per mancata conoscenza o per pressioni aziendali sottoscrivono corsi di formazione non svolti.

Indispensabile è quindi l’intervento ispettivo da parte degli organi di vigilanza, ma un contributo decisivo può venire da una maggiore attenzione da parte dei RLS nel pretendere che la formazione sia effettivamente svolta.

Per questo se nella vostra azienda i corsi di formazione sono fatti male o addirittura non fatti, segnalatelo direttamente a noi che provvederemo a informare gli organi di vigilanza.

in allegato trovate un recente articolo di la repubblica sul tema.

Ricordo infine che la formazione, come tutte le misure connesse alla prevenzione della salute, è a totale carico del datore di lavoro e non possono comportare oneri per i lavoratori (art. 15 comma 2, D.Lgvo 81/08)

  Cordiali saluti e buone feste

                     
Giorgio Ortolani

 

     Ufficio Salute Sicurezza Filcams Lombardia

 

Circolare INPS n.45_ Abolizione Registro infortuni. Accesso ai dati contenuti nel -Cruscotto infortuni- da parte dei Rls.
Circolare INPS n.45_ Abolizione Registro
Documento Adobe Acrobat 106.9 KB
Clinica del Lavoro_Prevenzione delle malattie muscolo scheletriche da lavoro
Clinica del Lavoro_Prevenzione delle mal
Documento Adobe Acrobat 117.8 KB
Accordo 07 luglio 2016_Durata e contenuti dei percorsi formativi per responsabili e addetti dei servizi di prevenzione e protezione
Accordo 07 luglio 2016_Durata e contenut
Documento Adobe Acrobat 2.3 MB
Allegato V_pg.35 e pg.36
Allegato V_pg.35 e pg.36.pdf
Documento Adobe Acrobat 485.9 KB
Sicurezza su lavoro il business dei corsi falsi
Sicurezza su lavoro il business dei cors
Documento Adobe Acrobat 1.5 MB


7^ assemblea regionale della Filcams-CGIL Lombardia

su salute e sicurezza.


Qui trovate video  e slide presentate dai nostri ospiti; Dr. Battista Magna, Dr. Angelo Manenti, Dr.ssa Claudia Toso

 



  

NAPO: I FILMATI SULLA SICUREZZA SUL NOSTRO SITO.


Per il loro valore divulgativo i filmati possono essere utilizzati liberamente per attività formative, scolastiche o di sensibilizzazione alla sicurezza senza alcuna preventiva autorizzazione della proprietà.
Per vedere i filmati cliccare nell'indice a sinistra chi è Napo, poi scegliere il filmato che interessa.

OPPURE